Lasciate ogni speranza o voi che entrate

Bochesmalas

giovedì 25 maggio 2017

Manchester, l'Europa League e la strage di innocenti





Due parole in merito alla terribile strage di Manchester, mentre il Manchester United conquista la sua coppa in Europa League, probabilmente la più triste tra le coppe al pari di quella della Juventus all’Heysel Stadium di Bruxelles nel 1985. Anche in questo caso era giusto che lo vincessero loro ma probabilmente l’avrebbero vinta lo stesso, se fossimo stati in periodo di pace. Lo United è sempre stata la mia seconda squadra di club per quanto riguarda il calcio (anzi la terza, a dire il vero: dopo Samp e Cagliari, a volte anche la prima) ma non sto a tediarvi con i miei perché. 
Comunque in altri tempi non mi sarei perso questa finale per niente al mondo, ma questa volta ho saltato l’evento senza rimpianti. Forse non era il caso di giocare con tutti quei morti. Non lo so, non ne sono sicuro, ma ritengo che in questi casi (come anche all’Heysel) il pallone deve essere fermato o, se non altro, spostato più avanti nel tempo.
Per quanto riguarda la strage di bambini e adolescenti a Manchester mi sono  trattenuto per un paio di giorni. Volevo evitare di riempire d’insulti il corano, maometto e allah e (forse) ci sono riuscito. L’ennesima strage di matrice islamica in questa guerra infinita tra gli immigrati di prima, seconda o terza generazione, e chi gli ha dato il pane, l’istruzione, la casa, il passaporto e (forse) anche il lavoro.
Intanto in tv e sui giornali, in Italia come all’estero, si continuano a fare le solite chiacchiere inutili, minuti di raccoglimento, fiaccolate, lumicini e cuoricini, e la solita pioggia di puttanate da parte di politici, giornalisti e intellettuali vari nei talk show a cavallo tra la prima e la seconda serata: 
Per evitare tutto questo ci vuole più integrazione e accoglienza... La grande maggioranza dei profughi è di religione cristiana (???!!!) i terroristi sono nati dove hanno messo le bombe, sono cittadini europei... L’islam è una religione di pace... Dobbiamo continuare a vivere la nostra vita e a non cambiare le nostre abitudini perché è questo che i terroristi vogliono” 
E cazzate varie da fare accapponare la pelle.

Fare cambiare le abitudini ai terroristi e agli  islamici no, eh? Evidentemente è chiedere troppo.





Come al solito in Italia, come in tutta Europa, si giustifica sempre e comunque qualunque terrorista e chi lo spalleggia, purché sia di religione islamica, ovviamente. La colpa è sempre nostra, a prescindere. Forse perché si deve evitare a tutti i costi che la gente, il popolo, faccia di “tutta l’erba un fascio” e metta insieme i terroristi islamici con i fantomatici “islamici moderati” o ancora peggio con i profughi (che comunque sono per il 90% islamici, cari omini del PD). Probabilmente se si rompe qualcosa nel gioco c’è il rischio che salti il mega business dell’accoglienza italian style, con gravi perdite economiche per cooperative, alcune ong, criminalità organizzata e alcuni politici. Quindi è d’obbligo la separazione netta e assoluta tra i due fenomeni. Anche se in Germania c’è stato più di qualche richiedente asilo che si è portato all’inferno qualche vita umana (vedi quella merda di Amri) o che si è occupato di stupri di massa (vedi le centinaia di coglioni al capodanno di Colonia). Ma questi sono fatti che bisogna dimenticare in fretta. A questo proposito ci sono tv e giornali che si occupano di lavaggio del cervello 24 ore su 24. Qui come in Germania (per quanto riguarda quest’ultimo paese basti vedere come hanno occultato il loro passato nazista, cancellando tutte le tracce possibili, pur di far dimenticare).

È assolutamente necessario non confondere chi fa casse da morto con chi fa cassa. Si beve in troppi da quella fonte e quindi non permetteranno mai che si chiuda il rubinetto. Non ci si può permettere di avere dubbi, sospetti e tantomeno qualche certezza troppo scomoda e poco “politically correct” che possa inquinare in qualche modo la fonte.

Vabbè, continuiamo così, mettiamo sotto il tappeto la sporcizia e facciamo finta che tutto vada bene, tanto prima o poi si deve morire tutti.









Buonamorte.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...